5 agosto 2013

Seconda lingua: per impararla bene occorre abbandonare casa...





L'inglese è indispensabile sia nel lavoro che nei rapporti sociali. Impararlo, però, non sempre è facile, soprattutto se siamo circondati da oggetti, simboli o persone che appartengono al paese di provenienza. Non è uno scherzo: infatti, secondo una ricerca pubblicata su Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America, anche se la presenza di questi elementi, a noi familiari, può metterci a nostro agio, essa riduce le nostre perfomance di conversazione, traduzione e scelta lessicale nella lingua che stiamo imparando.

Gli studi attuali. In quattro lavori, i ricercatori della Columbia Business School di New York e della Singapore Management University di Singapore hanno preso in considerazione un gruppo di studenti cinesi residenti da meno di un anno negli Stati Uniti. Nel primo esperimento, i volontari sono stati messi davanti a uno schermo raffigurante un uomo, chiamato "Michael Lee", con il volto cinese oppure caucasico. Mentre un microfono registrava la loro velocità di conversazione, hanno parlato con il Lee caucasico, che si rivolgeva loro con un accento americano. A quel punto, i ricercatori hanno confrontato la scorrevolezza del discorso dei volontari durante il dialogo con il Lee cinese. Anche se questi hanno riferito di avere avuto un'esperienza migliore parlando con la 'versione cinese' di Michael Lee, la loro conversazione era meno fluida, con una quantità di parole inferiore in media dell'11% in un minuto. "È qualcosa che non ci aspettavamo", ha detto Shu Zhang, docente alla Columbia Business School, intervistata su Science: è una sorpresa, infatti, che più i partecipanti si trovavano bene con l'interlocutore e meno erano disinvolti nel dialogo.

E lo stesso è accaduto negli esperimenti successivi, nei compiti di riconoscimento ed attribuzione di un nome agli oggetti e nel racconto di una storia: in quest'ultima prova, di nuovo, i volontari sono stati meno sciolti quando hanno osservato immagini cinesi, tra cui la Grande Muraglia, con una diminuzione in media del 16% di parole al minuto. Le icone, inoltre, hanno favorito un aumento in media dell'85% dell'uso di vocaboli tradotti letteralmente dal cinese, ha spiegato Zhang, come ad esempio "happy nuts" al posto dell'americano "pistachio" (il nostro pistacchio). 

Clicca qui per continuare a leggere l'articolo di Viola Rita per Repubblica.

Clicca qui per scaricare il documento pdf in inglese su come rispondere alle domande più difficili nei colloqui di lavoro negli Stati Uniti.









Clicca qui per vedere l'indice di tutti i post su come fare impresa negli Stati Uniti.

Clicca qui per vedere l'indice di tutti i post su come imparare l'American English per gli italiani.

Clicca qui per vedere l'indice di tutti i post sulle differenze culturali tra italiani e americani.

Clicca qui per vedere l'indice di tutti i post su temi di storia e cultura legati a Italia e Stati Uniti.  

Nessun commento:

Posta un commento