10 febbraio 2013

Mai più senza per i prossimi viaggi: Trakdot


Ogni volta che si prende un aereo e si vedono sparire i bagagli sul nastro trasportatore non si può fare a meno di provare un moto d'ansia: si ritroveranno all'arrivo?

Sono infatti milioni ogni anno le valigie che finiscono negli aeroporti sbagliati. Presto si potrà pone fine a questo senso d'incertezza munendo gli utenti di un piccolo dispositivo da inserire nel trolley: Trakdot, che verrà commercializzato a rnarzo per circa 40 euro, permette di tracciare gli spostamenti della propria valigia.

Clicca qui per continuare a leggere l'articolo pubblicato sull'Espresso.

Attenzione: questo blog non è sponsorizzato. L'articolo è puramente a carattere informativo e recensisce un oggetto che piace a me.






Clicca qui per vedere l'indice di tutti i post su come fare impresa negli Stati Uniti.

Clicca qui per vedere l'indice di tutti i post su come imparare l'American English per gli italiani.

Clicca qui per vedere l'indice di tutti i post sulle differenze culturali tra italiani e americani.

Clicca qui per vedere l'indice di tutti i post su temi di storia e cultura legati a Italia e Stati Uniti.  

Nessun commento:

Posta un commento