12 gennaio 2013

L'accordo sulla sicurezza sociale tra Italia e Stati Uniti




L'accordo sulla sicurezza sociale, siglato nel 1978 tra Italia e Stati Uniti, è stato il primo trattato che gli Stati Uniti hanno sottoscritto con un Paese estero su questo genere di problematica. 

L'accordo, importante per due Paesi che hanno molteplici rapporti bilaterali, è stato attuato per mettere ordine nel settore pensionistico-lavorativo-contributivo. In pratica, i cittadini americani che hanno lavorato o lavorano in Italia e i cittadini italiani che hanno lavorato o lavorano negli Usa hanno oggi a disposizione una regulation che permette di sommare i contributi versati ai due diversi sistemi di previdenza sociale, ottenendo così la pensione.

Per quanto concerne il sistema pensionistico italiano, il trattato è applicabile per le pensioni gestite dai seguenti enti:
  • Istituto Nazionale della Previdenza Sociale (INPS);
  • Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza pet i lavoratori dello Spettacolo (ENPALS);
  • Istituto Nazionale di Previdenza per i Giornalisti Italiani (INPGI);
  • Istituto Nazionale di Previdenza per i Dirigenti di Aziende Industriali (INPDAI).

Per il sistema di previdenza sociale americano, il trattato si applica unicamente all'assicurazione pensionistica gestita dalla Social Security Administration (SSA).

I vantaggi che si ottengono dall'accordo sono due:

- Si elimina la doppia copertura pensionistica. Secondo le leggi esistenti prima dell'entrata in vigore del trattato, il cittadino italiano che lavorava negli Usa era obbligato al versamento di contributi sia a favore del sistema pensionistico italiano sia a favore di quello americano. Dal 1978 i contributi si versano optando solo per uno dei due sistemi. Bisogna dire che generalmente il sistema italiano copre quei cittadini italiani che lavorano in territorio statunitense presso imprese italiane o controllate dall'Italia (fermo restando il diritto di optare per il sistema americano), mentre il sistema americano è quasi sempre scelto dai cittadini italiani che, sempre operando in territorio Usa, dipendono da imprese americane o lavorano in proprio. Per quanto riguarda i cittadini americani che lavorano in Italia si inverte la situazione: copertura americana se dipendenti di un'azienda usa o lavoratori in proprio, copertura italiana se dipendenti di un'azienda italiana. Opzione tra i due sistemi per gli aventi doppia nazionalità. In tutti i casi il trattato stabilisce che la scelta tra i due sistemi debba essere effettuata tramite richiesta da presentarsi all'ente pensionistico preposto del Paese prescelto, entro 90 giorni da inizio lavoro. L'ente rilascerà al lavoratore richiedente un certificato di copertura comprovante l'esenzione dai versamento dei contributi previdenziali all'altro Paese. In Italia le richieste vanno inoltrate, indipendentemente dall'attività e dalla competenza territoriale, alle sedi INPS, ENPALS, INGPI o INPDAI. Chi opta per il sistema previdenziale americano dovrà inviare la richiesta a: Social Security Administration, Office of International Operations, P.O. Box 17775, Baltimore, MD 21235-7775 Usa.

- L'accordo tutela coloro che hanno versato contributi per entrambi i sistemi. Come? Totalizzando i contributi corrisposti nei due Paesi. Beneficiari di questa opportunità sono coloro che "spezzano" la propria carriera lavorativa vivendo esperienze professionali temporanee negli Stati Uniti, cambiando provvisoriamente regime previdenziale. La totalizzazione dei contributi permette di non perdere tempo prezioso nell'acquisire il diritto alla pensione.






Clicca qui per vedere l'indice di tutti i post su come fare impresa negli Stati Uniti.

Clicca qui per vedere l'indice di tutti i post su come imparare l'American English per gli italiani.

Clicca qui per vedere l'indice di tutti i post sulle differenze culturali tra italiani e americani.

Clicca qui per vedere l'indice di tutti i post su temi di storia e cultura legati a Italia e Stati Uniti.   

4 commenti:

  1. salve e grazie per le informazioni del sito. Vorrei sottoporle la mia situazione. sto prendendo in considerazione l'ipotesi di lavorare per una società americana con sede in america la quale mi assumerebbe con un contratto americano. Io svolgerei la mia attività qui in Italia ed essendo residente in Italia, secondo la convenzione contro la doppia tassazione, pagherei le tasse (irpef, irap, etc) secondo il sistema italiano. Cosa succede per quanto riguarda i contributi previdenziali? Posso scegliere il sistema americano pur essendo residente qui in Italia e pur svolgendo la mia attività qui? Grazie mille.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gentile utente, deve rivolgersi a un avvocato o commercialista esperti di business tra Italia e Stati Uniti. Buon tutto.

      Elimina
  2. Buongiorno.
    Sono Italiano e ho versato contributi in Italia lavorando dal 2002 sino ad oggi.
    A settembre mi trasferirò definitivamente in USA lavorando per un'azienda americana.
    Come posso cumulare i 14 anni di contributi versati in Italia con quelli che comincerò a versare negli Stati Uniti attraverso la Social Security Administration?
    Grazie e buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Deve rivolgersi a un avvocato o commercialista specializzato in business tra Italia e Stati Uniti.

      Elimina